Associazione Vaggio.com 
P.zza della Repubblica, 4
50066 - Loc. Vaggio, Reggello - FI 
P.IVA 05548750487

  Sei il visitatore : 1725671 Utenti connessi : 26 Aggiungi a Preferiti

  Informato
La quota di Mascagni a Piandiscò è prossima all'1%, ma anche meno, direi.

26/05/2015 12.33.47

  X vai Paolino vai
Se hai letto calciopiù non c'è scritto così...rileggi bene...c'è anche una foto...

26/05/2015 12.16.37

  Panchine valdarno
Ufficiale Faella:Bencivenni - Incisa : Balzano

26/05/2015 11.20.18

  Vai Paolino vai
Sabato non ero presente ma è vero che Ombroni ha cambiato mezza squadra nell'intervallo come o letto su Calciopiù? Che bischero roba...da..terza categoria mica seconda!

26/05/2015 11.14.56

  FORZA MONTEVARCHI
Montevarchi-San Donà, 20 anni fa la partita perfetta. Il ricordo dei protagonisti di Andrea Tani È l'Italia-Germania del calcio montevarchino: il 14 maggio 1995 i sorprendenti aquilotti di Piero Braglia cercavano il sorpasso sulla capolista. Sotto di due reti nel primo tempo, sembrava finita. Ma negli ultimi cinque minuti successe l'impossibile: finì 4-2, fu apoteosi per la promozione in Serie C1 C'è la fede e c'è la tradizione, ci sono i valori e i campanili e tutte quelle cose inscalfibili dal tempo. Ma la vita di uno sportivo è un disperato inseguimento degli attimi, delle poche frazioni di 90 minuti che rendono diversa una domenica in mezzo a mille altre domeniche. Il 14 maggio 1995, a Montevarchi, fu semplicemente la domenica più bella di sempre. Montevarchi-San Donà 4-2 è rimasta nella memoria collettiva del calcio rossoblù come la partita. Una rimonta storica: dal sogno infranto di una squadra di provincia che aveva osato spingersi troppo in alto fra le grandi e proprio sul più bello, alla penultima giornata, andava incontro al castigo, fino all’apoteosi di un destino ribaltato in extremis e di una festa di popolo mai più replicata. L'Aquila stava perdendo partita e campionato. In cinque minuti di totale esaltazione vinse entrambi. Era la penultima giornata e il Montevarchi, secondo in classifica e vera rivelazione, ospitava i veneti, una squadra costruita per vincere, a un passo dall’obiettivo: 59 punti per il San Donà, 57 per i rossoblù che per tenere vive le ultime speranze avevano un solo risultato, la vittoria. Passano 20 minuti e il San Donà è già sul 2-0 con le reti Zanon e il capocannoniere Meacci. Sugli spalti tutti esauriti del Brilli Peri, gelido e fradicio sotto un diluvio torrenziale, serpeggia lo sconforto. Quella che va in campo dopo l’intervallo è un’altra Aquila. Menchetti accorcia le distanze, ma ancora non arrivano altri gol e il buon gioco sembra del tutto inutile. Mancano sei minuti al 90° quando succede l’impossibile: Scattini pareggia, Ermini sorpassa, Arcadio sigilla il successo. Doppia invasione di campo, il Montevarchi è primo in classifica e quella giornata, di fatto, consegnò ai rossoblù la vittoria del campionato e la promozione in Serie C1, certificata poi una settimana dopo dal leggendario esodo dell’ultima giornata, quando più di tremila montevarchini raggiunsero Lugo di Romagna con due treni speciali, pullman e auto private. Sono passati 20 anni esatti e per l'occasione ci facciamo raccontare quella domenica da alcuni dei protagonisti di allora. Da quelli che il 14 maggio 1995, al Brilli Peri, c’erano: in campo, in panchina o sugli spalti. “All’intervallo li avrei voluti picchiare”, dice mister Piero Braglia con la stessa grinta di allora. “Il San Donà aveva fatto molto bene ma noi non avevamo nemmeno iniziato a giocare. Bastò il primo gol per capire che la partita si poteva ribaltare. Da quel momento non ci saremmo più fermati e se l’arbitro ci avesse lasciato giocare per altri dieci minuti la partita sarebbe finita sul 7-2, o forse di più. I ragazzi presero gli avversari e se li mangiarono. A trovarne di giocatori così: quella era una grande squadra ed ebbe una crescita enorme in quell’annata eccezionale. Sono stato felice quel giorno. Per il Montevarchi e per la città”. “Negli spogliatoi scattò qualcosa”, ricorda Massimiliano Menchetti, autore del gol che dette la scossa ai rossoblù, un sinistro telecomandato su calcio di punizione che spedì il pallone a insaccarsi poco sotto l’incrocio dei pali. “Mister Braglia non usò mezzi termini: ci disse che se perdevamo avremmo buttato via un’annata intera. Fu duro, ma ci fece ritrovare l’orgoglio, la fame. È un bel ricordo, vivo per tutti. Ancora oggi quando mi capita di incontrare qualcuno di Montevarchi scopro che mi ricordano per quel gol”. Menchetti chiede poi della recente promozione in Eccellenza, si fa raccontare la situazione attuale dell’Aquila. Segno che ancora segue le sorti rossoblù: “A Montevarchi auguro tutto il bene possibile. Ho passato lì quattro anni splendidi”. A dare inizio ai cinque minuti di tripudio fu capitan Scattini, difensore con il vizio del gol, che all’84’ vola mezzo metro più in alto di tutta la difesa e di testa segna per il 2-2. “Difficile raccontarla a chi non l’ha vissuta. Sembrava chiusa dopo i primi 45 minuti di dominio del San Donà. Piero Braglia entrò negli spogliatoi a metà gara e in 30 secondi ci disse: “Mi avete deluso prima come uomini che come calciatori. Avete 45 minuti per dimostrare quello che siete”. Allora presi la parola io che ero il capitano e provai a tirar su il morale. Rientrati in campo eravamo indemoniati. Dopo la rete del 3-2 per la prima volta in vita mia piansi, e continuai a giocare piangendo per tutti gli ultimi cinque minuti. Ricordo due pilastri di quella squadra, Paolo Ponzo e Paolo Martelli, che se ne sono andati troppo presto. Ricordo due grandi presidenti come Vasco Farolfi e Lezio Losi, persone straordinarie. Son passati 20 anni, ma è come se fosse successo un mese fa”. Emozioni non meno forti per chi quel giorno era in panchina. Alessio Batistini aveva 18 anni, era una promessa del settore giovanile e da quella stagione era stato aggregato alla prima squadra. “Ero in panchina - racconta - ma l’abbiamo vissuta come se tutti si fosse in campo. Gli ultimi dieci minuti sono stati la gioia calcistica più bella che si possa vivere. Ricordo che pioveva, una pioggia incessante che scompigliava i capelli del nostro portiere Bigliazzi. Gli finivano sugli occhi, non riusciva a vedere il campo. Il mister stava diventando matto perché si raccomandava sempre di non farsi crescere i capelli. Mi mandò a cercare un cappello che non si trovava da nessuna parte - raccomta con un sorriso -. Fu un’esperienza bellissima, dall’inferno al paradiso. Ma è stato più bello vincere così che se fosse finita 3-0. Ancora oggi, ogni tanto, mi vado a rivedere le immagini della partita. Ogni volta tornano i brividi”. Figurarsi cosa deve aver provato l’autore del gol del sorpasso, Manolo Ermini. “La pioggia battente, lo stadio pieno, i tifosi che urlavano già nel pre-partita. Usciti dal tunnel ci ritrovammo in una bolgia dantesca. È una di quelle partite che pochi giocatori hanno il privilegio di giocare. Le parole di Braglia tra il primo e il secondo tempo furono dure ma trasmettevano, carica, determinazione. Lui ci credeva ancora, non solo a parole. La sua forza diventò la nostra forza. Quando sei bambino e giochi con il pallone ti immagini sempre queste situazioni rocambolesche, il gol decisivo all’ultimo minuto. Quel giorno ho avverato il mio sogno di bambino. Ricordo le facce della gente a fine partita, l’incredulità: gente che piangeva, signori distinti col cappotto elegante che si gettavano sul campo fangoso per abbracciarci. Scene di dolce follia. Il compianto Paolo Ponzo ha giocato anche ad alti livelli. Ma ogni volta che ci siamo ritrovati mi diceva: l’emozione che di quel giorno non l’ho provata nemmeno all’esordio in Serie A”. “Partite che accadono una volta ogni 100 anni”. Non ha dubbi Antonio Arcadio. Fu suo il sigillo finale, una galoppata di 60 metri, una breve esitazione, una rasoiata sul secondo palo a punire una difesa immobile davanti all’onnipotenza rossoblù di quegli istanti. “Fu il coronamento di tutta la stagione, nell’anno più prolifico della mia carriera con 16 gol segnati. Avevamo iniziato con l’ambizione di fare un campionato tranquillo, salvandoci il prima possibile. C’erano il Livorno, il Castel Di Sangro, lo stesso San Donà: e chi poteva pensare a vincere il campionato? La coesione fece la differenza. Eravamo una cosa sola. Voglio ricordare specialmente Paolo Ponzo e Paolo Martelli, due pilastri fondamentali per la riuscita dell’impresa, due compagni di squadra che il destino ha voluto separare troppo presto da noi”. Gli fa eco Angelo Livi, che oggi del Montevarchi è presidente, ma che da sempre ne è il primo tifoso. “Impossibile dimenticare prima di tutto l’apporto di Martelli e di Ponzo, che oggi non sono ci sono più ma sono sempre nei nostri cuori. Una giornata indimenticabile per i colori del Montevarchi. Quella squadra ci ha fatto divertire molto. Scattini, il capitano, segnò 11 gol. Ed era un difensore. Arcadio si lanciò verso il professionismo. La regia di Menchetti, un sinistro come non se ne sono più visti a Montevarchi. La guida tecnica di Braglia e la presidenza di Vasco Farolfi e Lezio Losi che spiegano tutto sulla forza societaria che avevamo. E poi tutti gli altri, i campionati si vincono tutti insieme, compreso il pubblico dell’esodo colossale a Lugo di Romanga della domenica successiva per l’ultima di campionato. Quella giornata dimostrò quanto è bello il calcio”. A raccontare quella partita così come le precedenti e tutte quelle a venire, c’era Giustino Bonci, storico cronista delle sorti rossoblù, corrispondente de La Nazione dal 1986. Sua anche la telecronaca della gara. “È stata la partita più esaltante degli ultimi 30 anni. Fu epica per tanti motivi: per la giornata clamorosamente piovosa, per come il San Donà dimostrò tutta la sua forza nel primo tempo prima di commettere un grave errore, pensare di aver già vinto. Peccato di presunzione, perché il Montevarchi non era secondo a nessuno per carattere. Ricordo l’esultanza in sala stampa, ci ritrovammo tutti abbracciati sul gol di Manolo Ermini del 3-2. Il giorno dopo titolai: “Oltre l’impossibile”. A quel punto tutti eravamo convinti che l’Aquila avrebbe vinto il campionato. Come poi avvenne al termine dell’altrettanto storica trasferta di Lugo”. Il tabellino della gara Montevarchi - San Donà 4-2 (0-2) Montevarchi: Bigliazzi, Ponzo, Frescucci, Di Mella (57’ Secci), Martelli, Scattini, Cammarieri, Arcadio, De Min (64’ Franchi), Menchetti, Ermini. San Donà: Cecconi, Zanon, Cinetto, Garau, Gotti, Giacomin, Polesel, Cardini, Meacci, Caverzan (83’ Soncin), De Franceschi (55’ Tessariol). Arbitro: Branzoni di Pavia. Reti: 9’ Zanon, 20’ Meacci, 51’ Menchetti, 84’ Scattini, 87’ Ermini, 90’ Arcadio.

25/05/2015 19.38.10

  Anonimo
Il giorno scelto per la grande festa rossoblù è giovedì 28 maggio. Al Brilli Peri si ritrovano i protagonisti della storica impresa di 20 anni fa e quelli della promozione conquistata il mese scorso. Ingresso gratuito per tutti i tifosi Aquila in festa tra passato e futuro: gli eroi di Lugo a cena con la squadra che si è presa l'Eccellenza 1 commento Data della notizia: 25.05.2015 10:43 A un mese o poco più dalla conquista dell'Eccellenza, il popolo rossoblù si dà appuntamento a giovedì 28 maggio per festeggiare di nuovo tutti insieme. Allo stadio Brilli Peri sarà una serata in bilico tra passato e futuro: insieme alla squadra che ha vinto il campionato 2015 ci sarà quella che trionfò nel 1995, 20 anni fa esatti, conquistando la storica promozione in C1. Ospiti della festa saranno infatti molti dei calciatori e dei membri dello staff che il 21 maggio 1995 batterono il Baracca Lugo 2-0 davanti agli oltre 3mila tifosi arrivati in Romagna da Montevarchi e vincendo il campionato e raggiungendo la Serie C1. Con loro, tutti i rossoblù di oggi, lo staff, la dirigenza e, soprattutto, i tifosi: ingresso libero e porchetta gratis per tutti.

25/05/2015 19.33.29

  Forza Rignanese
Dai ragazzi creDiamoci!!!

25/05/2015 14.12.36

  Piandisco
A piandisco si profila un ritorno di Mascagni

25/05/2015 10.42.12

  Rignano Regna
Vinto 4-0!!!e ora sotto con il secondo turno contro una squadra ligure

24/05/2015 21.47.29

  Anonimo
Qualcuno sa, il risultato della Rignanese? Grazie

24/05/2015 20.53.04

  per anonimo
Per conoscenza la vigor era stata ripescata anche anno scorso vero che vinse la coppa bah comunque vedremo.....

24/05/2015 14.14.45

  Per buongiorno vigor
Ri-Presentati te......

24/05/2015 13.24.29

Per leggere tutti i messaggi lasciati nel nostro GuestBook, cliccate qui ed poi utilizzate il cursore delle pagine per spostarvi nell'archivio.

Per lasciare un messaggio, cliccate qui e compilate la form. Grazie.




Fanta Motogippi 2015 - Classifica generale
 
Stagione 2015:

ConcorrentiRisultati pronosticiPiazzamenti
Pos.NickNameGPP.tiOK6p2pGVBonus1.o2.o3.o
1Sascia5 70 29011194519111
2Beppone5 69 30715128014020
3iDottore5 57 27413125523010
3biancorosso5 57 27111118010001
5Sbartoz5 47 216719506101
6Maxprao5 38 2361291155001
6Barga5 38 2199139510001
8Burnout3 36 16688204100
9ilmatta75 35 2238148523010
10Belva3 34 1566551024100
11Saetta15 J&S5 32 1951011908100
12Gallo Cedrone5 27 2155198019000
13FRAGAIOLO5 25 1666151006000
14Gentleman4 21 1514165510000
15DISIMPEGNO20155 19 1655121156000
15SandroBlock4 19 151512907000
15freddo5 19 1503161107000
18gasseinfondo5 17 1656121008000
18Il Pavo4 17 1364131052000
20BABONZO4 15 149579015000
21vaggio1 8 3121102000
22michonnet0 0 000000000
Pos.NickNameGPP.tiOK6p2pGVBonus1.o2.o3.o
ConcorrentiRisultati pronosticiPiazzamenti


Albo d'oro:

2007 Gasse con punti 506,60
2008 ©WebMaster con punti 482,60
2009 non disputato
2010 ©WebMaster con punti 582,20
2011 non disputato
2012 Sascia con punti 515,00
2013 Cricchetto alias Saetta con punti 801,50
2014 MaxPrao con 235 punti

 
Data : 17/05/2015 - Il WebMaster


 
 Links veloci
 Statuto

 Lascia un messaggio

 Leggi tutti i messaggi

 Contattaci

 Il WebMaster

 Log-in

 
 Motogippi 2015
 Il Regolamento

 Gli iscritti

 Iscriviti

 Invia pronostico

 Risultati

 Classifica generale

 
 Photogallery
 Gardaland Lug.2005

 Vaggio Young Lug.2005

 Cena da Stroncapane

 Vaggio Young Lug.2006

 Caccia al Tesoro '06

 
 Segui le Dirette Live!
 Collegati con Web

 
 Vaggio Piandiscò 1932
 2A categoria 2014/15

 1A categoria 2013/14

 Juniores 2013/14

 Stagione 2012/13

 
 U.S. Vaggio A.S.D.
 Stagione 2011/12

 Stagione 2010/11

 Stagione 2009/10

 
 A.S.D. Pianuglia
 Stagione 2008/09

 Stagione 2007/08

 
 SC5 Vaggio.com Femm.
 Stagione 2006/07

 Stagione 2005/06

 
 Ass. Vaggio.com C5M
 Stagione 2007/08

 Stagione 2006/07

 Stagione 2005/06

 
 Links da visitare
 Corso pilota elicottero

 
 Altre Associazioni
 Annulliamo la distanza

 Tennis Tavolo Reggello

Copyright © 2005 Vaggio.com - Tutti i diritti riservati.